Augustaonline News Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta Mappa provincia Porti di Sicilia
Condividi Home Processioni venerdì santo(video)Hotel a Brucoli





Il santuario Madonna Adonai di Brucoli

Una giornata nell'eremo e santuario della Madonna Adonai a Brucoli. Il sito risalente al terzo secolo, è stato realizzato su una serie di grotte, sul pianoro della Gisira lungo la costa della Sicilia Orientale sul Golfo di Catania. Ad accogliere i pellegrini e i visitatori Don Palmiro Prisutto, attuale arciprete della chiesa Augustana. Il sacerdote, che cura l'eremo aperto a gruppi di pellegrini e scout, è il custode della storia del luogo, ne conosce le origini, le legende e le vicende lungo i secoli.
Adonai è una parola biblica, è uno dei nomi ebraici con cui veniva indicato Dio, più specificamente il "mio Signore".La figura di una madonna con bambino dipinta sulla grotta principale è la testimonianza che questo potrebbe essere uno dei più antichi siti mariani della Sicilia Orientale, forse uno dei primi del mondo crsistiano occidentale. Il sito archeologico, probabilmente già presente in età paleolitica, fin dall'antichità erano conosciute come le "grotte del greco" in quanto costituiscono uno dei primissimi approdi dei coloni greci in Sicilia, i quali le adibirono a necropoli.
Nel suo mini tour guidato Padre Prisutto racconta gli aneddoti e le storie, il ritrovamento del luogo in era spagnola, racconta dei suoi abitanti, eremiti e cernobiti, molti dei quali sono stati ex militari convertiti alla fede cristiana. Un luogo magico, immerso nel verde, che ispira alla meditazione e alla riflessione.






News dalla provincia Avola Buscemi Canicattini B. Carlentini Ferla Floridia Francofonte Lentini Melilli
Noto Pachino Palazzolo A. Portopalo Priolo Rosolini Siracusa Solarino Sortino


Registro Stampa n.06/2001 Tribunale di Siracusa - Direttore Responsabile Gianni D'Anna - Editore Internet Network Solutions - P.Iva: 01235740899
© 1992/2013 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.
Risoluzione consigliata 1024x768-