Augustaonline News Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta Mappa provincia Porti di Sicilia
Condividi Home Italian Flag
English
Deutschland Flag
Deutschland
Check PageRank



Il castello Svevo di Augusta

Pianta quadrata del Castello Il complesso militare, a pianta quadrata di 62 metri per lato e otto torri ,pare fosse stato costruito su un preesistente rudere di torre di avvistamento di età normanna .Si presenta con tutta la sua mole sull'estremità nord dell'isola.Le quattro torri squadrate a centro di ogni lato erano a Est e Ovest di pianta rettangolare e a Nord e Sud di pianta poligonale. Con il diploma di Melfi del 1231 si ebbe l'ufficialità della nascita di Augusta ,infatti nel documento si precisavano i confini del territorio augustano "da Scala Greca alla Targia, a Belvedere,ai monti Climiti,alla contrada Sangiorgio,al Mulinello,alla contrada Carrubba,a Roccadia al fiume San Leonardo ,fino al mare"La penisola stretta e lunga divideva due insenature naturali ,si presentava con una vegetazione di palme e con acque costiere acquitrinose da cui veniva il nome di "mare mortum".L'imperatore ,soprannominato "Stupor Mundi",dopo aver studiato in alcune visite sul luogo,pensò che il posto fosse ideale per costruirvi una fortezza che doveva essere un caposaldo strategico di mare e di terra.Dalla costruzione che ebbe inizio nel 1232 per terminare nel 1242 ,il castello divenne il fulcro della vita della città,fu in esso e da esso che presero a svolgersi tutte le vicende storiche di Augusta. Castello Svevo lato levante Nel 1250 ,morto Federico II,la fortezza fu interessata da vicende secondarie fino al 1269 quando avvenne l'incoronazione di Carlo D'Angiò che in pratica segnó la fine inesorabile della dominazione Sveva.
Augusta ,come tante città siciliane,rimase antifrancese subendo l'ira dei D'Angiò che come risposta inviarono un feroce drappello di soldati che con feroce determinazione fecero conoscere la durezza del loro regno,non fu risparmiata neanche la popolazione ,la città fu saccheggiate e semidistrutta.Quando nel marzo 1282 scoppiarono i "Vespri Siciliani" e gli Angioni dovettero fuggire i siciliani acclamarono Pietro III d'Aragona come erede legittimo della casa di Svevia.Le città siciliane ,tra cui Augusta,liberate dalla dominazione angioina iniziarono a prosperare .Ma gli angioini erano duri a mollare e sfruttando l'aiuto di qualche nobile insoddisfatto ,con l'intrigo cercavano a tutti i costi di tornare. Nel marzo del 1287 la flotta angioina partì da Brindisi e dopo un assedio durato qualche settimana riuscirono ad espugnare la fortezza.Intanto Giacomo II, succeduto a Pietro II ,inviò la flotta aragonese ma dopo ripetuti tentativi non riuscì ad avere ragione della guarnizione del castello.Il re in persona giunse ad Augusta ,l'assedio durò più di quaranta giorni ,furono messe in campo nuove macchine da guerra ,come le torrette mobili,ma alla fine gli angioini furono sconfitti per sete e fame.Le casate si alternarono ,angioini ed aragonesi,con continui scontri armati per mare e per terra,gli abitanti di Augusta per paura di questi continui assedi iniziarono ad abbandonare la città.Nel 1400 il castello e la città uscirono di scena ,conobbero un periodo di declassamento,fino a quando il nuovo re Ferdinando di Castiglia vendette la città a Don Diego Sandonal e questi a sua volta la scambiò con la contea castigliana di Castro,cedendola al re Giovanni di Navarra.Continuò cosi l'involuzione storica del Castello ,mentre molte calamità si addensavano su Augusta.



News dalla provincia Avola Buscemi Canicattini B. Carlentini Ferla Floridia Francofonte Lentini Melilli
Noto Pachino Palazzolo A. Portopalo Priolo Rosolini Siracusa Solarino Sortino


Registro Stampa n.06/2001 Tribunale di Siracusa - Direttore Responsabile Gianni D'Anna - Editore Internet Network Solutions - P.Iva: 01235740899
© 1992/2013 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.
Risoluzione consigliata 1024x768-